Sento che il tuo bilancio ha ancora tanto da raccontare…

Inconfessabili segreti attendono solo di essere rivelati…

Continuiamo l’interrogatorio in questa puntata!

 

Ricapitolando.

Nel precedente articolo hai scoperto che:

► Affinché tu sappia esattamente e numeri alla mano come stanno le cose nella tua impresa, è fondamentale imparare a leggere il bilancio della tua attività (senza diventare necessariamente il ragionier Filini 😉).

► Nel Bilancio si nascondono Stato Patrimoniale, Conto Economico e Rendiconto Finanziario.

► E’ meglio diffidare da chi ti propone maneggi strani nel tuo bilancio: gonfiare le rimanenze, far risultare un utile inesistente per pagare meno tasse etc..

(ma approfondiremo ancora meglio il tema)

Se te lo sei perso, trovi l’articolo qui Il Bilancio confessa! – Parte I

Abbiamo già parlato dello Stato Patrimoniale; oggi parliamo del Conto Economico.

 

Il Conto Economico è uno schema contabile che elenca i costi e ricavi di un’impresa in un determinato periodo di tempo.

 

Ma di cosa si tratta esattamente?

 

COSA SONO I COSTI?

Un’impresa per produrre quello che offre sul mercato sostiene dei costi: ad esempio acquista merci e materiale di consumo, servizi come consulenze, energia elettrica, gas, spese telefoniche, paga l’affitto per i locali dell’azienda, sostiene costi per dipendenti e collaboratori,….

Una precisazione.

Nel Conto Economico vanno indicati i costi “correnti”, ossia quelli che sostieni periodicamente per l’esercizio della tua attività; nello Stato Patrimoniale, invece, forse ricorderai che vanno inseriti i costi relativi a investimenti destinati invece a rimanere più a lungo in azienda, come macchinari ed impianti.

 

COSA SONO I RICAVI?

I ricavi sono invece principalmente i proventi che ottieni dalla vendita dei tuoi prodotti o servizi.

Molto semplice 😉

 

La differenza tra Ricavi e Costi determina il Risultato Economico dell’esercizio.

 

Se i ricavi sono maggiori dei costi hai conseguito un UTILE D’ESERCIZIO; se, al contrario, i ricavi sono minori dei costi hai conseguito una PERDITA D’ESERCIZIO.

 

IL CONTO ECONOMICO

Come anticipato, il Conto Economico riepiloga costi e ricavi, ed evidenzia alla fine il Risultato Economico d’esercizio.

Ci sono diverse forme e classificazioni di Conto Economico: a scalare, a sezioni contrapposte, a valore aggiunto, etc…

Sono tutte corrette, ma ognuna di esse è particolarmente adatta ad evidenziare ció che davvero conta relativamente ad un determinato settore o tipologia di impresa.

In questo articolo ho deciso di presentarti il Conto Economico previsto dall’art. 2425 del Codice Civile, nella versione antecedente ad una piccola riforma che ci è stata l’anno scorso.

È senza alcun dubbio la forma più semplice e chiara di Conto economico. Eccone un esempio.

 

 

Questo schema è nella forma “a scalare”, che significa che vengono prima esposti i ricavi e poi detratti i costi, tutti nella stessa colonna.

 

Lo schema inoltre è suddiviso in alcune aree.

L’area evidenziata in giallo – chiamata Valore e costi della Produzione – riguarda la produzione e la vendita di beni e servizi che la tua impresa offre sul mercato.

Per questo motivo è definita anche gestione caratteristica, perché è quella “tipica” e più rilevante all’interno di un’impresa.

Se, ad esempio, hai un negozio di calzature, tra i ricavi trovi l’ammontare delle vendite che hai realizzato in un determinato periodo di tempo, mentre invece tra i costi ci sono l’acquisto delle scarpe che hai venduto, l’acquisto di servizi di varia natura (contabilità, consulenze, utenze in genere), i costi per il pagamento dell’affitto dei locali, il costo per il personale (ad esempio le commesse che servono i tuoi clienti), etc..

(nello schema trovi anche una voce particolare, gli ammortamenti. Ti spiegherò nel prossimo articolo di cosa si tratta….)

 

È molto importante chela Differenza tra Valore e costi della Produzione sia maggiore di zero.

 

Se così non è, significherebbe che la tua azienda è in perdita già per il solo fatto di acquistare e vendere merce, e bisogna intervenire immediatamente!

In questo caso i nodi da risolvere potrebbero essere essenzialmente due:

 

1) Il tuo sistema di offerta non è adeguato rispetto ai costi.

In altre parole: vendi poco e male, eccessivamente sottocosto.

 

2) La tua struttura dei costi va revisionata.

Spendi troppo e male, o i tuoi fornitori non sono quelli adatti a te,…

 

Lo ripeto: ALLARME ROSSO, INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE.

 

Per contattarmi, clicca qui

 

Proseguendo con la lettura del Conto Economico, subito dopo il Valore e costi della Produzione trovi la Gestione finanziaria, ossia i ricavi e i costi relativi ad eventuali finanziamenti che hai chiesto e ottenuto per la tua attività.

Il saldo della gestione finanziaria generalmente è negativo, in quanto le imprese spesso utilizzano risorse finanziarie di terzi (ad esempio prestiti bancari) per finanziare la propria attività.

La parola d’ordine è: EQUILIBRIO.

O altrimenti detto, il troppo storpia 😉

 

Anche in questo caso, se il Conto Economico evidenzia costi finanziari eccessivi, è necessario intervenire immediatamente.

 

Ultima area del conto economico da considerare è la Gestione straordinaria (voce “Proventi e oneri straordinari”, in verde), che riguarda costi e ricavi eccezionali, usualmente non ricorrenti.

L’ultima riforma in materia contabile ha eliminato questa area prevedendo che eventuali costi e ricavi di natura straordinaria debbano ora essere compresi nelle aree precedenti.

Tuttavia, identificare la gestione straordinaria e isolarne i relativi costi e ricavi è di fondamentale importanza, dato che permette di “pulire” il Conto economico da eventi eccezionali che probabilmente non si verificheranno nuovamente.

Nell’esempio, infatti, puoi vedere come i proventi straordinari ammontano a ben 36.152 Euro, che da soli costituiscono più del 77% dell’utile (Euro 46.863)!

Insomma, quest’anno è andata bene, ma il prossimo?

 

Prima del Risultato d’esercizio trovi le imposte di esercizio, che sono quelle che il tuo commercialista determina compilando la dichiarazione dei redditi e che poi mette in Bilancio.

Le imposte sono calcolate sul Risultato d’esercizio, rettificato però da alcune voci che la normativa fiscale non considera rilevanti (i cosiddetti, o meglio famigerati, costi non deducibili).

 

Apro una piccola parentesi.

L’obiettivo di tanti imprenditori (spesso consigliati male dai propri consulenti) è risparmiare sulle tasse e nient’altro. Sbagliato.

Le tasse in Italia sono un fardello. Vero. Verissimo.

 

Ma non è pensabile ottimizzare il carico (o meglio, sovraccarico) fiscale a fine anno, a bilancio chiuso, quando i giochi ormai sono fatti!

 

È un approccio molto poco intelligente.

I maneggi dell’ultimo minuto sono spesso più che evidenti a chi il bilancio lo sa leggere, e sicuramente sono evidenti all’Agenzia delle Entrate, che attraverso i dati del bilancio, della dichiarazione dei redditi e in genere dell’Anagrafe tributaria è in grado di “incrociare i dati” e accorgersi di situazioni “anomale”.

E che presto ti scriverà una bella letterina per chiedere chiarimenti.

 

Ma approfondiremo ulteriormente questo tema nel prossimo articolo.

Se non vuoi perdertelo, iscriviti alla mia newsletter qui.

Per iscriverti alla newsletter clicca qui

E se preferisci capirne di più sul tuo Bilancio, perché i numeri “non ti quadrano”… contattami per una consulenza personalizzata qui

 

Per contattarmi, clicca qui

 

 

A presto!

Assunta

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *